FISCO, “IL CANE NON E’ UN LUSSO”