VIVISEZIONE, LA DENUNCIA DI GIOVANNA: “I RICERCATORI NON USINO NOI MALATI GRAVI”