cacciauccello

LOMBARDIA, LEIDAA E ASSOCIAZIONI: “FERMIAMO IL PIÙ GRANDE ATTACCO ALLA FAUNA SELVATICA DI SEMPRE”

Giorno dopo giorno uno sparuto gruppo di politici regionali che rappresenta una minoranza irrilevante dei lombardi lavora per emanare leggi e delibere in palese e conclamata violazione delle norme di tutela dell’ambiente e degli animali, Direttive UE comprese, per tutelare gli interessi privati delle frange più estremiste di cacciatori “sparatutto”. Deroghe per uccidere i piccoli uccelli protetti, norme che favoriscono il bracconaggio e il commercio illegale di specie protette, e l’approvazione pochi giorni fa di una Delibera per continuare a consentire la caccia degli uccelli migratori nei valichi montani che per legge devono essere vietati alla caccia. Il tutto calpestando e disprezzando le leggi e le plurime sentenze di giustizia amministrativa.

“Inaccettabile questo servilismo nei confronti di una lobby venatoria pronta a chiedere di violare la legge pur di uccidere sempre di più. I legislatori sanno benissimo, ad esempio, che la protezione nei valichi non è una facoltà ma un obbligo derivante dalla legislazione comunitaria e dalla Legge 157 del 1992 sulla protezione della fauna e regolamentazione della caccia. Eppure in Lombardia ancora si compiono massacri di uccelli in luoghi che sono passaggi obbligatori durante la loro migrazione e trent’anni di battaglie da parte delle Associazioni ambientaliste e di sentenze non sono bastati a renderli, come dovrebbe essere, luoghi di protezione assoluta.

Come se non bastasse le associazioni venatorie, firmatarie di una lettera unitaria indirizzata alla Regione, esercitano forti pressioni per chiedere alla Giunta di modificare le norme che regolano il possesso di richiami vivi per la caccia, agevolando così il commercio illegale di uccelli e il bracconaggio. Per le Associazioni venatorie lombarde i controlli delle forze dell’ordine “provocano sconcerto e forte insicurezza” tra i loro affiliati, come se questa fosse una ragione accettabile per limitarli; le modifiche richieste agevolerebbero un mercato illegale che genera profitti per milioni di euro. All’ordine del giorno un’altra raffica di modifiche alla Legge Regionale 26/93, la Legge probabilmente più “manipolata” della storia, sempre con l’intento di stravolgere il necessario equilibrio tra la necessità di tutela della fauna selvatica e l’attività venatoria.

Per finire la volontà di riaprire gli impianti di cattura con le reti (roccoli) e sparare in deroga ai piccoli uccelli protetti. Sulla caccia in Deroga arriva la proposta del Consigliere e cacciatore Floriano Massardi (Lega Nord) di permettere la caccia al cardellino, verdone, lucherino, fringuello, peppola, frosone, pispola, storno e tordela. Un’eventualità del genere ci riporterebbe indietro di 50 anni, permettendo l’uccisione di piccoli uccelli canori, le cui popolazioni sono in costante declino.

Sparare al cardellino, uccello tra i più conosciuti ed amati, simbolo della Passione (la leggenda narra che il cardellino si fosse messo ad estrarre le spine dalla corona di Cristo e ferito rimase per sempre macchiato del Suo sangue), raffigurato in moltissime opere d’arte a partire dal medioevo (tra le più famose basti citare la “Madonna del cardellino” di Raffaello), di cui Antonio Vivaldi cercò di imitare il melodioso canto nel concerto per flauto “Il Gardellino”, è un’offesa per la maggioranza dei lombardi stanchi di essere ostaggi di proposte vergognose e uno schiaffo alle politiche dell’Unione Europea e alla recente sentenza della Corte di Giustizia Europea (sulle catture in Francia) che rappresenta una pietra tombale sulla questione.

“Ci appelliamo veramente a chi, per il ruolo istituzionale che rappresenta, dovrebbe lavorare per il rispetto delle leggi: i consiglieri, i dirigenti e i funzionari ai quali chiediamo il ritorno alla legalità, ognuno per il proprio ruolo. Dopo anni di sudditanza nei confronti dell’estremismo venatorio, la regione Lombardia metta al centro della sua azione le politiche ambientali e sulla tutela della fauna, bene indisponibile dello Stato, e non accontenti uno sparuto gruppo di cittadini, portatori di interessi privati, e allergici alle regole e alla civiltà”.

Le Associazioni: Associazione Vittime Caccia – CABS – CAI LOMBARDIA – ENPA – GAIA – GOL – Gruppo Intervento Giuridico – LAC – LAV – LEAL – LEGAMBIENTE – LEIDAA – LIPU – PRO NATURA – WWF


per sempre noi

UN GRAZIE A BARKYN E A EASYPÙ PER IL LORO SOSTEGNO. SCARICA IL NOSTRO E-BOOK E SOSTIENI CHI CI SOSTIENE.

In questo difficile momento Barkyn e Easypù hanno consentito la realizzazione dell’e-book “PER SEMPRE NOI” e soprattutto hanno garantito un aiuto concreto agli amici a 4 zampe che hanno perso la loro mamma o il loro papà umani a causa Covid 19.

Con l’intento di dare un aiuto in più a quanti nel proprio nucleo familiare hanno un amico a 4 zampe, vi auguriamo una buona lettura e una piacevole visione.

Di seguito il link per scaricare l’ebook:

_PER SEMPRE NOI


Cinghiale-Roma

ROMA, VOLONTARI LEIDAA METTONO AL SICURO CUCCIOLO DELLA SCROFA UCCISA ALL’AURELIO. ON. BRAMBILLA: “ABBIAMO DIMOSTRATO CHE SALVARLI È POSSIBILE”

“Una grande vittoria per tutti coloro che amano gli animali e vogliono veder rispettato il loro diritto alla vita!”. Così l’on. Michela Vittoria Brambilla commenta il salvataggio di un giovane cinghiale ritrovato a Roma in un parco del quartiere Aurelio che ieri, per tutto il giorno, ha impegnato LEIDAA con la responsabile Fauna selvatica, Paola Samaritani. Il cucciolo – figlio della scrofa abbattuta il 16 ottobre scorso con altri sei piccoli in un altro parco del quartiere – è stato recuperato dai volontari e condotto in un luogo sicuro. Il video, postato su Facebook alle 22,30 dall’on. Brambilla, visibile su YouTube al link https://www.youtube.com/watch?v=lgA35absttA e scaricabile da https://drive.google.com/open?id=117wyByBUqzv3Nxnw9sEz4UEzPxn6Zaof  documenta il momento finale di una lunghissima giornata, quando il cinghialino, accompagnato dalla responsabile di LEIDAA, ha raggiunto la sua destinazione: una fattoria didattica nei pressi della capitale, dove, a spese di LEIDAA, potrà vivere felicemente. Nel quartiere Aurelio si aggira anche un altro giovane cinghiale, della stessa famiglia, che i volontari stanno monitorando per metterlo al sicuro prima possibile.

“Intendo ringraziare con tutto il cuore – dichiara l’on. Brambilla – i volontari LEIDAA e la nostra responsabile Fauna selvatica Paola Samaritani, che ha dedicato al salvataggio tutta la domenica, e gli attivisti delle varie associazioni, accorsi sul posto, che l’hanno aiutata. Un sentito ringraziamento anche ai vigili del tredicesimo Aurelio che hanno garantito la massima collaborazione, con grande sensibilità. Un “grazie” ulteriore all’Azienda sanitaria locale che ha facilitato tutte le pratiche amministrative per arrivare al fine atteso”.

“Insieme abbiamo dimostrato – continua l’on. Brambilla – che con noi le chiacchiere stanno a zero. Facciamo fatti concreti e salviamo gli animali. I cinghiali hanno diritto di vivere come tutti gli altri animali. E non devono essere uccisi senza pietà, come il Comune di Roma e la polizia metropolitana hanno fatto con la mamma e i sei cuccioli un mese e mezzo fa. Anche in quell’occasione, ma invano, noi della LEIDAA ci eravamo offerti di prendere in carico gli animali”.

“Quella strage è imperdonabile – conclude l’ex ministro – ma ora bisogna guardare avanti e fare in modo che l’orrore non si ripeta: per questa ragione la LEIDAA ha dato la propria piena disponibilità a rendersi parte diligente nella cattura dei cinghiali vaganti sul territorio comunale e a trovare loro una sistemazione dove possano vivere sereni e per sempre”. Proprio come ha fatto ieri.


Argo

“LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19”: NEI PRIMI 15 GIORNI CIRCA 3000 CASI TRATTATI, 400 ANIMALI PRESI IN CARICO

Dopo le decine di migliaia della prima fase, sono circa 3 mila (tra richieste di intervento e di informazioni) i casi trattati dal servizio “LEIDAA per emergenza Covid-19” nei primi quindici giorni di ripresa a pieno ritmo dell’attività, di cui 400 risolti con la presa in carico dell’animale perché i proprietari sono in isolamento o, purtroppo, hanno perduto la vita a causa della malattia. Il 50 per cento delle chiamate relative all’emergenza Covid  proviene dalla Lombardia, dove la “seconda ondata” colpisce più duramente, il 20 per cento dal Lazio, il 10 per cento da Friuli-Venezia Giulia, il 10 dall’Emilia-Romagna, il resto da altre Regioni.

Già nella scorsa primavera l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, ha messo se stessa e l’associazione a disposizione dei cittadini e in particolare “di tutti coloro che convivono con un animale d’affezione e oggi si trovano in quarantena, in isolamento domiciliare o ricoverati”, invitando a chiamare la sede centrale al numero 02.94351244 oppure a consultare il sito www.leidaa.info. “Non abbandonate gli animali –chiede l’ex ministro – non sono contagiosi, non possono infettarvi. Se siete in quarantena o in ospedale e non potete più occuparvene, chiamateci”. Infatti, ricorda l’on. Brambilla, “chi è stato colpito dal Covid-19, direttamente o indirettamente perché si sono ammalati i suoi cari ha spesso serie difficoltà a gestire gli animali da compagnia. Basti pensare alla situazione dei positivi in quarantena, a volte interi nuclei familiari, che non sanno a chi affidare il proprio cane per farlo uscire per le quotidiane passeggiate o per portarlo dal veterinario. Il problema si aggrava se le persone vengono ricoverate e gli animali restano improvvisamente soli, e diventa drammatico quando i pazienti perdono la battaglia col Covid”.

In primavera, a partire dal 21 marzo, gli operatori di LEIDAA hanno coordinato centinaia di volontari per far fronte alle esigenze delle famiglie colpite dal Covid: “passeggiate” per i cani di persone malate o in quarantena, cani e gatti (e pet di tutte le specie) presi in carico perché i proprietari non potevano occuparsene o non sono sopravvissuti, trasferimenti e adozioni, pasti e di interventi sanitari donati agli animali di persone in difficoltà (non solo per motivi legati alla pandemia). Ora l’Chi volesse sostenere l’attività dell’associazione, può donare all’IBAN IT61 D030 6909 6061 0000 0068 523 Banca Intesa Spa. Al link https://www.youtube.com/watch?v=nEdPoQfKtE4 un video-riassunto  in 100 secondi dell’attività di LEIDAA durante l’emergenza Covid. Scaricabile dal link: https://urlsand.esvalabs.com/?u=https%3A%2F%2Fdrive.google.com%2Ffile%2Fd%2F1V0iftnyInaMPDYBSlBDbh_Al5ArWD9sW%2Fview%3Fusp%3Dsharing&e=9869e6cd&h=f666b35e&f=y&p=y.

TRE STORIE DI SOLIDARIETÀ

Nala – Questa cucciolotta di Amstaff di otto mesi vive con due operatori sanitari della provincia di Como, in isolamento domiciliare per positività al Covid-19. Non avrebbero potuto portarla a passeggio se non fosse stato per l’aiuto di Grazia e Claudia, due bravissime volontarie della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente di Como, che la portano fuori ben tre volte al giorno, al mattino, al primo pomeriggio e alla sera prima della nanna: con loro Nala si diverte un mondo e non vede l’ora, ogni volta, che arrivino a prenderla! Vedere per credere: https://www.youtube.com/watch?v=Qf2y3uVqysY

Mily – La seconda storia arriva dalla Lombardia, una delle zone “rosse”, le più colpite dalla seconda ondata del Covid-19. L’anziano proprietario di Mily, residente alle porte di Milano, ha purtroppo perso per sempre la battaglia contro la malattia: così questo cagnolone meticcio di tre anni, di taglia media, è rimasto solo finché la Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente non l’ha preso in carico: ora gode delle amorevoli cure di Alessandra (li vedete insieme nel video a questo link https://youtu.be/NQ9ZsCb3ScU) ed Elena (che potete vedere nelle immagini) finché non troveremo per lui una nuova famiglia in grado di accoglierlo per sempre. Ogni giorno i volontari e Mily vanno a fare lunghe passeggiate che si concludono con una intensa sessione di coccole: insieme speriamo di aiutarlo a superare il lutto della perdita del suo compagno di vita.

Argo – Infine ci spostiamo in Umbria per Argo, simpatico lagotto di nove mesi che vive con una coppia di giovani ventenni di Perugia, entrambi positivi al Covid-19. Argo dovrebbe stare tutto il giorno in casa se non fosse per l’impegno di Sabrina  (che potete vedere nel seguente video https://youtu.be/ONvOfdgrFeY) e Lucia che, ogni giorno, lo portano a fare lunghe passeggiate. I suoi proprietari lo lasciano legato al portone poco prima dell’arrivo delle volontarie, per evitare qualsiasi rischio di contagio. Molto curioso, coccolone e giocherellone, Argo ha bisogno di correre ed è davvero un cagnolino curioso. Appena torna in casa si mette a dormire, stanco della passeggiata: la sua proprietaria lo vede molto felice del tempo trascorso.


Esselunga2

UN GRAZIE A ESSELUNGA E A CHI HA DONATO E RACCOLTO CIBO PER GLI ANIMALI IN DIFFICOLTÀ

Lo scorso sabato moltissimi volontari della nostra Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente non hanno fatto mancare il proprio impegno per una grande azione di solidarietà in favore dei quattrozampe: in moltissimi supermercati sono stati infatti i protagonisti della raccolta pappe organizzata dalla Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, promossa e fondata dall’on. Michela Vittoria Brambilla. Oltre a tutti loro e alla catena Esselunga – che ha dimostrato un grande senso di responsabilità sociale – intendiamo ringraziare i moltissimi italiani che, nonostante la crisi economica, hanno deciso di aiutare i quattrozampe ospitati nei canili e rifugi del nostro paese che godranno di pasti sani e nutrienti per molto tempo.


campagna vip 5x1000

5X1000: AL VIA LA CAMPAGNA “VIP” PER SOSTENERE LA LEGA ITALIANA DIFESA ANIMALI E AMBIENTE

Il comico Enzo Salvi, la modella e conduttrice Elisabetta Gregoraci, la modella e conduttrice Benedetta Mazza, il conduttore e attore Savino Zaba, la conduttrice e giornalista Monica Marangoni, la conduttrice Carolina Rey e il giornalista Pierluigi Diaco: sono questi alcuni dei volti della campagna della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente per il 5×1000. In una serie di brevi video diffusi sulle pagine social e pubblicati sul canale YouTube dell’associazione (link: https://www.youtube.com/channel/UCr1gDV1X-PplzL6I5acJywA) i vip raccontano come i volontari LEIDAA non abbiano smesso un solo attimo, durante l’emergenza coronavirus, di garantire il proprio impegno per assistere i quattrozampe delle famiglie in difficoltà e dare un tetto a coloro che avevano perso i proprietari a causa del virus. Ancora oggi, molti di loro ospitano nelle proprie case animali che curano e accudiscono con amore, impegnandosi sul proprio territorio per combattere randagismo e maltrattamenti. “L’endorsement pubblico di così tante persone di talento e di grande successo nei loro ambiti professionali mi lusinga e rende onore al merito dei nostri volontari”, commenta la presidente di LEIDAA, on. Michela Vittoria Brambilla. Donare il 5×1000 non costa nulla (le scelte non espresse vanno comunque all’erario) ma può contribuire a salvare moltissimi animali in difficoltà.  Trova il riquadro “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, metti la tua firma e inserisci il codice fiscale della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente onlus: 02692940139.


Cloe2

GRAZIE A LEIDAA, CLOE HA TROVATO UNA FAMIGLIA CON CUI VIVRÀ FELICE PER SEMPRE

Anche in questa fase in cui l’emergenza sanitaria sembra passata, la nostra Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente continua a battersi contro il randagismo e per dare una casa a tutti i quattrozampe. Sono ancora tantissimi i cani e i gatti che vivono una vita fatta di mille pericoli sulle nostre strade o nelle campagne: avrebbe potuto essere questo il destino di Cloe e dei suoi fratellini, salvati dai volontari di Leidaa sezione Carlentini dopo la morte della loro mamma. Non c’è niente di più bello che vederli partire verso le loro nuove vite: non è meravigliosa Cloe, pronta per il viaggio che la porterà dalla sua nuova famiglia?


Quincy Covid315

 LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19: ANCHE PER QUINCY È ARRIVATO IL MOMENTO DI TORNARE A CASA, A CORBETTA

E’ sempre un momento di grande gioia, per tutti, quello in cui i volontari della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, presieduta dall’on. Michela Vittoria Brambilla, possono riconsegnare alle famiglie i quattrozampe di cui si sono occupati con amore durante il lockdown. Nei giorni scorsi è stato il turno di Quincy, rimasta per due mesi lontana dalla sua casa di Corbetta (MI) affidata ai volontari di LEIDAA.

Era malata di dermatite e i suoi proprietari, che a causa del Covid-19 avevano perso il lavoro, non erano in grado di occuparsene come sarebbe stato necessario. Ad aiutarli, nell’ambito dell’iniziativa “LEIDAA per emergenza Covid-19”,  sono intervenuti tempestivamente gli “angeli” dell’associazione e dopo 60 giorni di cure, non solo veterinarie, finalmente Quincy è tornata a vivere con  i propri amici umani, loro commossi, e lei al culmine della contentezza. Come mostra il video su youtube https://www.youtube.com/watch? v=1PRhKQSyVh4. “Non è meravigliosa – commenta l’on. Brambilla – la gioia di questo ritrovarsi? L’hanno resa possibile il lavoro quotidiano dei tanti volontari che dedicano agli animali il loro tempo e il sostegno dei donatori e di chi sceglie di destinare alla LEIDAA il proprio cinque per mille. Siamo molto felici – conclude – di aver aiutato una famiglia di Corbetta”.

“Voglio ringraziare con tutto il cuore la LEIDAA – ha detto la proprietaria della cagnolona– per essersi presa cura di Quincy, che i volontari hanno trattato come se fosse il loro cane. Grazie a tutti davvero, grazie all’on. Brambilla. Sono felicissima perché Quincy ora è guarita e sta benissimo”.

Anche nella “fase due” resta attivo il numero unico 02.94351244 del servizio “LEIDAA per emergenza Covid-19” (da chiamare solo dopo aver letto attentamente le risposte alle “domande frequenti” sul sito www.leidaa.info e sui social collegati). Dal 21 marzo a oggi sono state oltre 13 mila le telefonate gestite.

“I nostri volontari – ricorda l’on. Brambilla – accompagnano a passeggio cani di persone che si trovano in quarantena, accudiscono in casa gli animali di chi è ricoverato e li portano dal veterinario, quando ce n’è bisogno, oppure, nei casi più gravi, li prendono direttamente in carico. Così come continuiamo a soccorrere coloro che chiedono aiuto, sotto forma di cibo o di farmaci per gli animali, specchio del forte “disagio sociale” creato dalla pandemia”.

 


Leidaa emergenza Covid orizzontale

LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19: ECCO I VOLONTARI CHE POSSONO AIUTARVI

Come saprete in queste settimane la nostra Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente sta gestendo, ogni giorno, centinaia di richieste d’aiuto da tutta Italia per l’emergenza coronavirus. Per soddisfare tutti al meglio, oltre al numero nazionale, abbiamo schierato una lista di volontari sul territorio che, in caso di bisogno, potete chiamare per ricevere assistenza. Avete bisogno di assistenza coi vostri quattrozampe? Contattate il numero a voi più vicino e, solo nel caso in cui non sia presente nessun volontario nelle vicinanze, potete chiamare il numero nazionale 02-94351244.

 

Lombardia:

Manuela Gigante: 348/7048686

Milano e provincia. Roberto Cavallo: 347/0064885

Bergamo. Bruno Boffelli: 338/6172629

Cremona. Roberto Marchini: 348/7468754

Como. Grazia Ribaudo: 371/1216452

Lodi. Emanuele Arensi: 340/8189328

Mantova. Elena Pizzoli: 324/8976381

Monza e Brianza. Barbara Zizza: 339/8490127

Pavia. Carmen Pelaez: 348/3743735

Sondrio. Katya Grandi:  366/5014048

Varese. Guglielmina Aletti: 338/7754461

 

Piemonte:

Roberto Brognano: 339/2922297

Gabriele Merlo: 338/9098672

Asti. Barbara Ansaldi: 347/6725886

Torino. Anna Perruchon: 339/2625912

Verbania Cusio Ossola. Loredana Brizio: 329/0805101

 

Veneto:

Andrea Marin: 389/1939636

 

Friuli Venezia Giulia:

Alessandra Marchi: 347/5032495

 

Liguria:

Massimiliano Monti: 393/2833529

Golfo Tigullio. Pietro Burzi: 328/9091306

Genova. Roberta Fiorito: 375/5379579

 

Emilia-Romagna:

Giada Baroni: 333/1110047

Silvia Pacher: 338/7034131

Rimini. Giuseppe Arnese: 334/7631606

Faenza (Ravenna). Elisa Zaccaria 328/7599519

 

Toscana:

Vittoria Sonnino: 366/1630968

Arezzo. Sabina Biondi: 339/1311326

Firenze. Elisa Santini: 334/7700157

Lucca. Anna Gemma Mazzola: 333/5421579

Massa. Monia Giatti: 348/5234539

 

Marche:

Franca Liberotti: 346/7723111

Fermo. Barbara Mercanti: 328/0314489

 

Abruzzo:

Guido Mammarella: 347/1738373

Provincia de L’Aquila: Antonella D’Amato 340/5204094; Fabio Lo Foco  349/1222529

Provincia di Chieti: Valeria D’Ingiullo 328/4836473; Paola Giorgiani 370/1083848; Adele Di Tizio 338/5365553

Provincia di Pescara: Guido Mammarella 347/1738373; Norma Di Pentima 392/1023677

Provincia di Teramo: Barbara Risuglia 339/5717835; Sofia Costantini 339/6021523; Luigi Provviserio 329/4147083

 

Umbria:

Sabrina Dimitrio: 333/1019321

 

Lazio:

Daniele D’Annibale: 392/8480853

Roma. Cristina Valeri: 335/6307671

 

Campania:

Marina Colasanto: 393/3014366

Caserta. Giovanni Ferrara: 338/741115

 

Puglia:

Andrea Buccoliero: 328/9562879

 

Calabria:

Gisella Grande: 339/8172602

Cristina Valeri: 335/6307671

 

Sicilia:

Alessandra Pitanza: 351/5244401

 

Sardegna:

Anna Rita Salaris 329/6898276


quaglie_piccoli

ENDTHECAGEAGE, VITA DI UNA QUAGLIA. LEIDAA E ALTRE ASSOCIAZIONI CHIEDONO STOP ALLE GABBIE NEGLI ALLEVAMENTI

Quaglie: la vita in gabbia di un uccello allevato per scopi alimentari

Video investigazione in allevamenti italiani. Associazioni chiedono la fine di tutte le gabbie in UE

Tutta la vita in uno spazio grande meno di uno smartphone di media grandezza. E’ la misera esistenza cui sono condannate le quaglie negli allevamenti intensivi, come mostrano le immagini girate da CIWF Italia in stabilimenti del nostro Paese.Questi piccoli uccelli, allo stato selvatico ancora migratori, vivono fin dalla nascita in gabbie comuni di superficie variabile tra circa 86 a 184 cm quadrati. La loro frustrazione e la loro sofferenza non hanno giustificazione. Animal Aid, Animal Law, CIWF Italia, Enpa, LAV, Legambiente, LEIDAA e Terra Onlus invitano tutti i cittadini italiani a firmare l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) che chiede la fine dell’uso di tutte le gabbie negli allevamenti.

Link alla petizione: https://leidaa.endthecageage.eu/?cage=cages

Guarda il video: https://www.youtube.com/watch?v=raP_1-JHCME

Galleria fotografica

Scarica il report sulle gabbie in UE

Altre immagini disponibili su richiesta

Le quaglie sono piccoli uccelli. In Italia sono allevate a scopo alimentare circa 12 milioni di quaglie, la stragrande maggioranza in gabbia.

Un uccello rinchiuso in gabbia – In natura le quaglie compiono piccoli voli, soprattutto per fuggire quando sono spaventate. Vivono in coppie o piccoli gruppi e trascorrono la maggior parte del tempo razzolando in cerca di cibo e facendo bagni di polvere. Tutti questi comportamenti sono totalmente frustrati nel confinamento estremo delle gabbie. Le immagini della video investigazione lo mostrano chiaramente: le quaglie sbattono ripetutamente il capo ferendosi, hanno ampie zone del corpo senza piume, perché si beccano fra di loro a causa dello stress. Il loro richiamo selvatico rimbomba negli angusti capannoni, i loro colli si allungano disperatamente al di là delle gabbie.

Per far sopravvivere questi animali in condizioni di così grande stress, spesso vengono loro somministrati antibiotici di routine, attraverso l’acqua e il mangime.

Uova e carne – Le quaglie vengono allevate sia per la carne che per le uova che vengono utilizzate anche in ricette gourmet. Questi prodotti sono disponibili anche al supermercato, ma non essendoci nessun obbligo di etichettare indicando il metodo di allevamento, in assenza di specifiche descrizioni, si può assumere che con grande probabilità si tratti di prodotti provenienti da animali allevati in gabbia.

L’ICE “End the Cage Age” – L’iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age” chiede la fine dell’uso delle gabbie negli allevamenti nell’UE. E’ sostenuta da oltre 140 associazioni. Lanciata a Bruxelles lo scorso settembre e a Roma in ottobre, l’iniziativa ha riscosso il sostegno di vip e politici, anche del Ministro della Salute Giulia Grillo, che ha firmato la petizione.

Obiettivo della petizione è raggiungere un milione di firme entro il prossimo 11 settembre al fine di ottenere un pronunciamento della Commissione su questo argomento.

In Italia la procedura prevede l’inserimento nel form, online o cartaceo, di un valido documento d’identità. I dati sono conservati secondo la legge europea in un sistema sicuro della Commissione.

Dichiara Annamaria Pisapia, membro del Comitato dei cittadini che hanno presentato l’ICE: “Le quaglie allevate per uova e carne sono tra i più ‘invisibili’ degli animali allevati a scopo alimentare. Eppure, i loro numeri sono enormi, come enorme è la loro sofferenza nelle gabbie. Grottesco che prodotti derivanti da animali vissuti in queste terribili condizioni possano essere considerati gourmet. I cittadini hanno ora la possibilità di fare qualcosa di concreto per porre fine alla crudeltà su milioni di quaglie, firmando la ICE contro le gabbie. Oltre a, chiaramente, evitare di comprare uova e carne da quaglie allevate in gabbia”.

APPROFONDIMENTI

I comportamenti naturali delle quaglie

Le quaglie vivono in natura in coppie o in piccoli gruppi, formando gruppi più grandi per la migrazione. Normalmente le quaglie compiono piccoli voli, generalmente quando sono spaventate, anche se le quaglie selvatiche sono ancora in grado di compiere migrazioni facendo soste frequenti.

Le quaglie trascorrono la maggior parte del tempo razzolando in cerca di cibo e amano fare bagni di polvere diverse volte al giorno.

Sono in grado di produrre 28 diversi tipi di vocalizzazioni con diverse funzioni.

Ogni quaglia produce uova con un colore ed un disegno speciale, perciò è possibile riconoscere le uova di ogni singolo animale.

Le femmine costruiscono il loro nido in un luogo riparato e covano per 16-17 giorni girando l’uovo ogni 15-20 minuti.

Una volta nati i piccoli stanno vicini alla madre, che li nutre, per 4 giorni. A 11 giorni i piccoli sono indipendenti.

NUMERI SULLE QUAGLIE

1,4 miliardi di quaglie allevate nel mondo

143 milioni di quaglie allevate in UE

12 milioni di quaglie allevate in Italia

Il 90% sono allevate in gabbia, sia per produrre carne che per produrre uova

86 cm quadrati per ogni quaglia allevata per produrre carne

184 cm quadrati per ogni quaglia allevata per produrre uova

5 settimane: la vita di una quaglia allevata per produrre carne

6 mesi: la vita di una quaglia allevata per produrre uova

250gr: il peso di una quaglia quando viene inviata al macello